Favole in libertà: quando cultura e benessere camminano insieme verso l’integrazione sociale.

Fonte: http://vivere-flow.tumblr.com/

 

Quando si parla di “benessere”, solitamente si fa riferimento a buone condizioni di salute fisica e psicologica: sentirsi in forma, senza malesseri fisici, emotivamente sereni, mentalmente liberi da pensieri negativi e preoccupazioni.
L’ Organizzazione Mondiale della Sanità, tuttavia, ha affermato negli ultimi anni un concetto di salute che prevede e sottolinea anche l’elemento sociale.
L’integrazione nella società, ovvero far parte e sentirsi parte attiva e partecipante nel contesto in cui si vive, è un’esigenza fondamentale che ogni persona ha bisogno di soddisfare, per percepirsi come individuo realizzato. Questo può verificarsi solo attraverso esperienze dirette e concrete, vissute nell’ambiente di appartenenza:la socializzazione, prima nella famiglia di origine, poi nella scuola e nel lavoro, il volontariato, la pratica di uno sport o di un hobby.
La difficoltà ad accedere a queste opportunità comporta vissuti di esclusione ed isolamento, non certamente di benessere; in questo senso, anche l’accessibilità alla cultura può essere un’ulteriore possibilità di sperimentare l’inclusione in una “rete”.
Su questa linea si colloca l’interessante progetto promosso dalla Onlus CulturAbile, “AUDIOLIBeRI: favole in libertà”.
L’interesse di questo progetto non è soltanto nell’innovatività di avvalersi di quella che oggi è la Rete per eccellenza-Internet e social network- ma anche di essere realizzato “in rete”, da realtà culturali con identità molto peculiari, ma accomunate dall’interesse a promuovere l’accessibilità alla cultura per tutti: CulturAbile, associazione che realizza sottotitoli e audiotrascrizioni per vari eventi, rendendoli accessibili a disabili sensoriali, il canale Freerumble primo social network esclusivamente audio ed il podcast Italian Podcast Network , un network di programmi a puntate in internet.
Un progetto creativo in divenire, nato e costruito come collaborazione e scambio: si permette a tutti di registrare favole, vecchie e nuove, e di metterle a disposizione di tutta la comunità in formato audio e liberamente scaricabili, sul canale Freerumble o su un’apposita sezione del sito web di CulturAbile. Il valore aggiunto consiste nel fatto che ogni file audio di ogni storia è corredato da una trascrizione, affinché sia accessibile sia a persone cieche sia sorde.
Si recupera, quindi, l’usanza della narrazione orale e del racconto tramandato oralmente, che da sempre ha rappresentato un momento di interazione e partecipazione per le comunità, un modo per mettere in comune esperienze e mettere in relazione persone. Tutto ciò riattualizzato con l’apporto e l’agevolazione delle nuove tecnologie, che superano vincoli e limiti economici, spaziali e temporali e, in questo caso, offrono un’alternativa valida a livello sensoriale, permettendo ad ognuno di fruirne con le proprie abilità,nessuno escluso.
http://culturabile.it/2012/02/luomo-della-sabbia/
Questo è un “assaggio”: buon ascolto….ed ovviamente la possibilità di partecipare è aperta a chiunque abbia voglia ed un po’ di tempo per condividere una storia!

One Response to Favole in libertà: quando cultura e benessere camminano insieme verso l’integrazione sociale.

  1. Pingback: Video fiabe accessibili: La trilogia di Rosa Tiziana Bruno | Associazione CulturAbile Onlus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *