La Blindsight Project sostiene il progetto ‘AUDIOLIBeRI’ di CulturAbile

 

L’associazione Onlus no profit Blindsight Project, da tempo attiva in molti campi del vivere sociale, tra cui l’accessibilità per la cultura e lo spettacolo (ricordiamo che ha voluto e realizzato, tra le tante iniziative, anche le proiezioni accessibili di varie edizioni del Rome Fiction Fest e del Festival Internazionale del Cinema di Roma), sostiene il nostro progetto AUDIOLIBeRI.
 
Il progetto è volto a rendere accessibili a tutti, in formato audio e testuale, diversi generi letterari. Il progetto, online da circa 5 mesi, si concentra in questa prima fase su favole e fiabe accessibili a bambini disabili della vista e dell’udito. Il progetto è interamente svolto da volontari che registrano le proprie letture rendendole disponibili allo staff di CulturAbile, che le trascrive e le inserisce on line sul sito dell’associazione.
 
Laura Raffaeli, presidente di Blindsight Project, spiega perché è importante sostenere progetti come questo:
“Nell’immaginario collettivo le barriere sono solo quelle architettoniche (una rampa, un ascensore ecc.), legate sempre a disabilità motorie, non si pensa mai, purtroppo, alle barriere sensoriali e a quelle informatiche, drammatiche tanto quanto quelle architettoniche: mancano letture accessibili addirittura nella scuola dell’obbligo! Al di là delle leggi, che ci sono ma non mai vengono applicate, è ora di passare all’azione e il progetto AUDIOLIBeRI rappresenta un primo importante passo soprattutto nella scuola dell’obbligo primaria, quella cioè frequentata da svariate migliaia di bambini con disabilità visive, uditive e tra questi anche quelli affetti da dislessia, tutti purtroppo in aumento. Mentre per le scuole secondarie qualcosa si è fatto, anche se solo in alcune regioni, nelle primarie si vive il vuoto riguardo le letture. Quando si parla di cecità è automatico correlarla al braille, ma non tutti lo conoscono ormai con l’avvento dell’informatica, poi un libro in braille non solo è costosissimo ma anche molto ingombrante, sempre ammesso che lo si conosca. Un libro nasce su un computer, viene stampato successivamente su carta, elemento inutile per chi non vede o vede poco, mentre un libro digitale o un audiolibro rappresenta la miglior cosa. Idem vale per chi è dislessico. AUDIOLIBeRI offre un valido supporto a chi vive le disabilità di cui sopra, i bambini potranno avere letture facili da comprendere e i genitori e anche gli insegnanti potranno beneficiarne. E’ per questi motivi che Blindsight Project ha deciso di sostenere questo importante progetto, impegnandosi al meglio affinché cresca, si diffonda e possa arrivare un giorno a fornire anche i libri di testo nella scuola dell’obbligo.
 
Saveria Arma, presidente di CulturAbile Onlus, spiega che ‘la presenza della Blindsight Project tra i partner dell’iniziativa è motivo di orgoglio e prestigio per il progetto e anche per CulturAbile, in quanto la Blindsight Project è da sempre in prima linea sul fronte dell’accessibilità, come messo in evidenza anche nel convegno organizzato il 25 maggo 2012 a Milano in occasione della fiera Reatech. Sapere che la Blindsight Project e le sue associazioni partner sostengono AUDIOLIBeRI significa per noi avere un supporto importante e poter organizzare insieme seminari, eventi, laboratori per diffondere il progetto e accompagnare un maggior numero di persone  alla scoperta di risorse culturali davvero accessibili a tutti”.
 
Fonte: Ufficio Stampa CulturAbile

One Response to La Blindsight Project sostiene il progetto ‘AUDIOLIBeRI’ di CulturAbile

  1. Pingback: Video fiabe accessibili: La trilogia di Rosa Tiziana Bruno | Associazione CulturAbile Onlus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *