Sottotitolazione in tempo reale a distanza: il respeaking in remoto

 

La sottotitolazione in tempo reale (anche detta sottotitolazione ‘live’ o ‘in diretta’) consente alle persone sorde di seguire adeguatamente un evento (dalla conferenza al meeting, dal CdA alla lezione universitaria, dalla messa all’evento sportivo, dalla tribuna politica al colloquio con il medico, etc.) consentendo di partecipare attivamente alla vita sociale e culturale.
 
Tale accesso, che la legislazione Italiana e la Convenzione sui Diritti della Persona con Disabilità riconoscono come diritti di ciascuno, è stato finora limitato a pochi eventi, spesso con costi insostenibili da parte delle organizzazioni e, comunque, troppo limitati rispetto alla quantità di opportunità da cui le persone sorde restano escluse.
 
La sottotitolazione in diretta può essere realizzata con diverse tecniche, dalla scrittura veloce alla stenotipia al riconoscimento del parlato (respeaking); le modalità di erogazione del servizio sono essenzialmente due: in presenza e a distanza.
 
Con la prima modalità, l’operatore è fisicamente presente sul luogo dell’evento ed eroga il servizio di sottotitolazione: la sua postazione (nella maggior parte dei casi composta solo da un computer e dal programma di videoscrittura/stenotipia o riconoscimento del parlato) è collegato ad un proiettore, che consente di proiettare quanto scritto in modo da essere letto e fruito da chi ne ha bisogno.
 
Con la seconda modalità, un collegamento web (anche con chiavetta) consente all’operatore in remoto di ascoltare, nel vincolo della massima riservatezza, quanto viene detto nella sede dell’evento, e di trascriverlo o ‘tradurlo’ in sottotitoli. In questo modo, le persone che hanno bisogno dei sottotitoli ne potranno fruire tramite web.
 
Le informazioni, infatti, confluiranno su un’apposita pagina dedicata, a cui saranno connessi soltanto l’operatore e le persone che leggono i sottotitoli.
 
Tale modalità, ancora relativamente poco diffusa in Italia, è stata più volte e con ottimi risultati sperimentata da CulturAbile in occasione di meeting, convegni e piccole riunioni.
 
Dotazione e requisiti per effettuare il servizio di sottotitolazione a distanza: per erogare il servizio, è necessario che sia il cliente sia l’operatore in remoto dispongano di una connessione internet (anche chiavetta) e di un PC. L’operatore in remoto, attraverso una piattaforma dedicata, invierà al cliente il link unico dell’evento, a cui il cliente accederà.
 
Quel link indirizza una pagina su cui vengono trasmessi i sottotitoli che vengono prodotti dall’operatore in remoto. Sarà possibile eventualmente collegare il PC del cliente ad un proiettore se le persone che hanno bisogno di sottotitoli sono numerose. I sottotitoli possono altresì essere fruiti da tablet e altri dispositivi mobili collegati all’indirizzo web fornito dall’operatore.
 
Questo permette di abbattere i costi per la sottotitolazione, in quanto l'operatore non deve spostarsi e quindi non deve sostenere spese di viaggio, vitto o alloggio. Oggi basta davvero poco per rendere un evento accessibile a tutti!
 
 
 
Per maggiori informazioni: www.culturabile.it e info@culturabile.it oppure 3395015639
 
Nella foto: sottotitolazione con respeaking in tempo reale del convegno Inail di presentazione di 'Tutto è SuperAbile'

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *