Ascoltare con gli occhi: le esigenze abitative delle persone con disabilità uditiva

Il CRIBA – Centro Regionale di Informazione sul Benessere Ambientale, da sempre impegnato nella progettazione accessibile, dopo il fortunato progetto "Il cervello accessibile" (di cui trovate nota in questo post, affiancato dalla realizzazione di un video completamente accessibile con didascalie e audiodescrizione), e a pochi giorni dall'annuncio della completa accessibilità del canale informativo del CERPA/CRIBA ricco di video interviste sul benessere ambientale, l'accessibilità, il turismo e la cultura accessibile (canale accessibile a questo link, con sottotitoli per non udenti di CulturAbile; ne abbiamo dato nota in questo articolo), torna a Exposanità non solo con un proprio stand (settore Horus padiglione 19 – stand D76) e un'offerta formativa e informativa tutta da scoprire (a cui è dedicato addirittura la sezione intera del sito Criba Formazione accessibile a questo link), ma anche con l'organizzazione di un convegno dedicato alle esigenze abitative delle persone con disabilità uditive e soluzioni di accessibilità, intitolato "Ascoltare con gli occhi".

Spesso le esigenze abitative, oltre a quelle sociali, lavorative e culturali, delle persone con disabilità uditiva, vengono trascurate o non affrontate adeguatamente: questo convegno intende fare il punto della situazione, offrire una panoramica delle soluzioni esistenti (e non ancora recensite o in uso) e proporre esempi di migliori pratiche replicabili e riproponibili in diversi contesti. Come scrive il CRIBA, infatti 

"secondo le stime rintracciabili in letteratura, si desume che circa un quinto della popolazione italiana vive in una condizione – seppur a diversi livelli – di sordità e nella vita quotidiana di queste persone si intrecciano differenti aspetti che influiscono sulla loro autonomia, indipendenza e piena partecipazione alla società. Oltre la diagnosi, le terapie, gli ausili, quali sono gli ostacoli che una persona con disabilità uditiva incontra quotidianamente per muoversi, lavorare, divertirsi? Come l'ambiente deve farsi per essere ospitale, accessibile, sicuro e confortevole per una persona con disabilità uditiva?"

Scopriremo le soluzioni per il benessere ambientale e l'accessibilità per le persone sorde insieme a un parterre di esperti sordi e udenti d'eccezione: Stefan Von Prondzinski, pedagogista e istruttore di orientamento e mobilità; Consuelo Agnesi, architetto; Martina Gerosa, urbanista; Stefano Zanut, architetto e funzionario dei Vigili del Fuoco.

Ecco, nello specifico, il programma della giornata del 23 maggio, con inizio alle ore 09:00

 

Programma

9:00 Registrazione apertura e saluti
Coordina i lavori: Piera Nobili

9:30-10:10
Disabilità uditiva dall’ipoacusia alla sordità profonda: le esigenze delle persone nei vari ambiti di vita
La parola sordità non esaurisce lo spettro delle disabilità uditive che richiedono soluzioni diverse per una partecipazione piena e significativa delle persone con questo tipo di disabilità.
L’intervento metterà in evidenza caratteristiche e questioni poste dai diversi tipi di sordità e il supporto che la classificazione ICF può dare anche a tecnici e progettisti.
STEFAN VON PRONDZINSKI- Pedagogista, Istruttore per la mobilità.

10:10-10:50
Esempi di realizzazione a livello di edilizia residenziale privata e pubblica
Il cambiamento culturale introdotto dall’ICF e dalla legge 18/2009 porta a considerare “speciali” non i bisogni delle persone con disabilità ma alcune, e solo alcune, delle risposte da dare. Gli esempi che verranno mostrati offriranno soluzioni estetiche e funzionali che non sono pensate per categorie speciali ma per un gran numero di persone, tramite l’applicazione dei principi dell’Universal Design per la creazione di ambienti residenziali vivibili da tutti, inclusivi ma accattivanti e piacevolmente confortevoli.
CONSUELO AGNESI-Architetto

10:50-11:30
Esempi di realizzazione a scala urbana
L’approccio dell’Universal design negli spazi urbani fra mobilità, trasporti, comunicazione, orientamento. Criticità e soluzioni.

MARTINA GEROSA-Urbanista

11:30-12:10
Sicurezza e prevenzione
La progettazione di spazi privati e pubblici non può prescindere dal tema della prevenzione e sicurezza in caso di calamità avendo presente tutti gli abitanti comprese le persone con disabilità uditive.
STEFANO ZANUT-Architetto e funzionario dei vigili del fuoco

12:10-13:00 Dibattito

Come partecipare al convegno? Il pagamento della quota di ingresso ad Exposanità (20 euro in loco, 10 euro online) consente di partecipare a tutti i convegni e i seminari inseriti nel programma, tra cui anche il convegno organizzato dal CRIBA. Tutti gli iscritti al convegno riceveranno un biglietto omaggio. Per maggiori informazioni, contattare il CRIBA all'indirizzo email criba@criba-er.it

 

IL CONVEGNO, IN UN'OTTICA DAVVERO ACCESSIBILE A TUTTI, SARA' SOTTOTITOLATO E INTERPRETATO IN LIS.

SOTTOTITOLAZIONE IN TEMPO REALE E INTERPRETARIATO LIS A CURA DI CULTURABILE

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *